Depressione: malattia o stato d’animo? Come affrontarla

La depressione, chiamata anche melanconia o malinconia, non è uno stato d’animo.
Troppo spesso, erroneamente, si pensa che chi soffre di depressione sia “un po’ giù”, triste, o che in qualche modo possa scegliere di affrontare la cosa con la sola forza di volontà.
Purtroppo non è così.
La depressione fa parte dei disturbi dell’umore ed è una vera e propria malattia, e in quanto malattia curabile.
La depressione maggiore o l’evento depressivo hanno una sintomatologia ben definita; sono definibili perciò da un insieme di sintomi che si presentano per un tempo prolungato, nello specifico almeno 3 settimane consecutive.

Alcuni sintomi:

Continua a leggere su www.netnotizie.net

4 Risposte

  1. sono uscita per sempre dalla depressione grazie ad una cura basata sulla riflessologia plantare. Dopo solo un mese sono diventata una persona nuova.
    Alcune mie amiche hanno risolto gratis questo problema con il buddismo: non hanno più avuto attacchi di panico e disturbi d’ansia. Sono diventate più forti e non temono nulla.

  2. Salve Francesca, sono felice per lei; una volta dato un nome alla malattia i percorsi di guarigione sono dei più eterogenei e soprattutto molto personali.
    Sinceramente è la prima volta che sento che esclusivamente tramite la riflessologia plantare si possa affrontare e vincere una depressione maggiore, è comunque molto interessante.
    Rispetto al buddismo o meglio rispetto alla meditazione e allo yoga ci sono diverse esperienze che permettono di fare fronte ad a.d.p. e disturbi d’ansia; il principio è la respirazione: controllando la respirazione si contolla il battito cardiaco quindi la produzione di adrenalina che non entrando in circolo non scatena l’attacco.
    E’ il cane che si morde la coda, il non riuscire a controllare la respirazione manda in iperventilazione, per cui iperossigenazione, per cui aumento del battito, aumento dell’adrenalina, attacco di panico; l’esatto opposto permette il controllo di tutti questi parametri.
    Il buddismo come lei saprà non è una religione ma uno stile di vita e di pensiero, è un assetto mentale, che personalmente conosco abbastanza e pratico per quanto possibile, il retto sforzo, il distaccamento se perseguiti correttamente portano sicuramente molti benefici e possono essere la via per la serenità, quindi una potente cura alla depressione.
    Tuttavia in alcuni casi tutto questo non è sufficiente perchè i livelli di serotonina e ritmi sonno-veglia sono talmente compromessi da richiedere un intervento farmacologico o omeopatico.
    Grazie per il suo prezioso contributo

    |M|

  3. Sto affrontando crisi di panico e ansia da 12 anni e ora provo da 2 settimane con la riflessologia plantare.. 1 anno di psicoterapia e 4 di farmaci mi hanno aiutato man non sconfitto definitivamente il problema. spero che la medicina alternativa mi aiuti a trovare la serenità persa tanto tempo fa . jury 40 anni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: